Home Staging

L'Home Staging nasce negli anni '70 grazie a Barb Schwar
che, entrando nel mondo immobiliare, si rende conto della necessità di preparare le case messe in vendita.
Letteralmente, infatti, il termine "home" significa "casa", mentre "staging" significa "messa in scena/palcoscenico".
Così l'Home Stager è colui che, nel fare il sopralluogo degli appartamenti da vendere ed affittare, contribuisce, dopo un attento studio degli ambienti, a renderli piu' interessanti possibile, agli occhi dei futuri acquirenti o affittuari.


Identificare i punti forza, procedere con l'eliminazione degli oggetti superflui o  riconducibile ai vecchi proprietari (decluttering), allestire con arredi a noleggio o con la valorizzazione dei presenti, intervenire con un nuovo colore o altre piccole migliorie non riconducibili ad interventi strutturali, assecondando la natura dell'immobile (se villa, appartamento, casa in campagna,  monolocale, etc.) questo il compito dell'home stager.


Un vero e proprio restyling, seguendo un progetto messo a punto con il proprietario stesso, in base al budget. 
Un servizio fotografico professionale sarà l'ultimo step, la vera "messa in scena" prima della pubblicazione dell'annuncio per la ricerca dei clienti. 


Io che amo gli interni ed il restyling di arredi, mi dedico personalmente a quest'ultimi, identificando una nuova collocazione degli stessi nelle stanze, la dove i proprietari decidano di vendere lasciando all'interno alcuni mobili.

Commenti